01 giu 2006

Fermato il P2P...per adesso.. :->

Da mercoledì 31 giugno, uno dei più importanti siti di riferimento della community BitTorrent, "The Pirate Bay", è stato posto sotto sequestro. Utilizzato da milioni di utenti ogni giorno per individuare i file da scaricare, il portale che ospitava uno degli indici più ricchi del sistema peer-to-peer è stato chiuso con l'accusa di violazione della legge sul copyright.

Il sequestro di ThePirateBay.org è stato accolto con grande soddisfazione dalle major, da tempo impegnate in una dura lotta senza confini contro la pirateria musicale e cinematografica in Rete. La Federazione internazionale dei produttori fonografici e video (Ifpi) ha precisato che The Pirate Bay è il più grande motore di ricerca che usa il software BitTorrent, utilizzato per scaricare film e musiche, e che è una delle maggior fonti di materiale illegale.

Sul sequestro del server però ora si è aperto un acceso dibattito e la misura potrebbe non durare molto. La magistratura svedese non ha ancora dimostrato che un indice di file.torrent, che permette agli utenti di "collegarsi" al download degli altri utenti, rappresenta una violazione delle leggi locali sul diritto d'autore e, secondo alcuni esperti, presto ThePirateBay.org potrebbe tornare online.

Rickard Falkvinge, guru svedese del peer-to-peer, dice: "Pirate Bay non ha commesso nessun reato, quale azienda accetterebbe mai un trattamento del genere? - si chiede aFalkvinge - Quale società accetterebbe che la polizia interrompa le proprie operazioni prima che vi sia prova che queste sono illegali?

1 commento:

  1. Anonimo3:07 PM

    "the pirates bay", è gia tornato on-line... :) ... P2P rulez

    RispondiElimina